PRO LOCO DI ERTO E CASSO

pro-loco-erto1

Sede: Via IX Ottobre 1963, 4 – 33080 Erto e Casso (PN)
Recapito telefonico: 347 6773472
E-mail: info@prolocoertoecasso.it
Sito: prolocoertoecasso.it
Facebook: Pro Loco Erto e Casso

Presidente: Martinelli Vanni
Vice presidente: Corona Claudio
Segretario: Maronato Silvia
Consiglieri: Corona Marianna, Filippin Renzo, Bernarda Manuela, De Martin Cristina
Revisori dei conti: Martinelli Danilo, Pezzin David,
Garanello Ferdinando

 

 

 

Chi siamo

Quassù tra i monti custodi di un tragico destino, è attiva questa Pro Loco che ha saputo ridare vitalità e vivacità al piccolo comune di Erto e Casso. Sostenuti da un sano ottimismo e da tanta buona volontà nel 1992, dopo tanti anni di inattività, è rinata la Pro Loco che ha dato vita a numerose iniziative e manifestazioni su tutto il territorio. Quest’anno con il nuovo direttivo il programma si arricchisce di nuove interessanti iniziative, che coprono l’intero anno!

Erto è un piccolo paese di montagna che si trova nella valle del Vajont nell’alta Valcellina in provincia di Pordenone, limitrofo alla provincia di Belluno, ultimo comune a Nord-Ovest della regione Friuli-Venezia Giulia. Erto è situato a circa 750 mt. sul livello del mare, Casso a 950.

Essendo uno dei sei paesi che costituiscono il territorio del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, (ex delle Prealpi Carniche) per oltre la metà del suo territorio, negli ultimi anni ha attratto numerosi naturalisti, alpinisti, studenti che visitano anche il Centro visite del Parco, dove, su due piani sono ospitate le mostre “Vajont: immagini e memorie” e “La catastrofe del Vajont: uno spazio della memoria”.

Fanno corona ad Erto le cime Borgà (Boscè), Buscada, Duranno (Duran), Porgèit, Cornetto (Cornet) Cèrten (Thertèn), Col Nudo (Col Briè) e il Monte Toc ricche di fauna anche rara, come il gallo forcello, il cedrone, il tasso, il camoscio, il capriolo, la marmotta, l’aquila, il cervo e anche qualche esemplare di stambecco e, sul lago rimasto, l’airone cenerino. Qui ci sono i più bei fiori delle nostre Alpi, dalla stella alpina al rododendro, dal giglio martagone alla nigritella.

Particolarmente affascinanti sono le escursioni in Val Zemola, un sentiero segnato porta al Rifugio Maniago che si trova ai piedi del monte Duranno, o in Val Mesazzo, a Casera Ditta, inoltre, nei pressi della diga del Vajont esiste una palestra naturale di roccia, famosa in tutto il mondo e meta di numerosi arrampicatori attrezzata dallo scultore-scrittore Mauro Corona che vive e lavora a Erto.

Confinante con il territorio di Erto ad ovest, nel vicino Veneto, si estende il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.

Ricca di storia e di fascino è la Sacra Rappresentazione della Passione di Gesù Cristo. Risalente alla seconda metà del 1600, impegna tutto il paese di Erto in occasione del Venerdì Santo. E’ un immancabile appuntamento che vede ogni anno la partecipazione di circa 5000 spettatori.

 

Tradizioni a Erto

Tradizioni a Erto

 

Storia

Nel 1955, quando sul territorio del Comune di Erto e Casso si stava costruendo la diga a doppia curvatura più alta del mondo sbarrando il torrente Vajont, Erto con Casso contava 2.100 abitanti che con il passare degli anni sono diminuiti a 1.600. Nel 1956 nella scuola di Casso c’erano 80 alunni. La tragedia del 1963 ha disperso molti abitanti nei paesi vicini. Attualmente i residenti ad Erto sono circa 430 di cui un centinaio a Erto, venti-venticinque a Casso e il rimanente in località Stortan. Gli Erto-cassanesi si trovano oltre che a Erto e Casso: a Nuova Erto di Ponte Nelle Alpi, a Longarone, a Cimolais, a Claut, a Vajont e nel villaggio “alla Roiatta” di San Quirino (PN).

Oggi la popolazione di Erto e Casso è impegnata prevalentemente nell’edilizia e nelle occhialerie o nelle altre industrie che si trovano nella vicina Longarone. Sul territorio l’unica industria presente fino una decina di anni fa era un’impresa di Massa Carrara che estraeva marmo “ramello rosso e ramello bruno” a quota 1800, ora c’è un salumificio in località Frasèin presso il bivio per Casso, al di fuori della frana che però non impiega nessun paesano.

E’ il 9 Ottobre 1963 la data che purtroppo segna la storia di questo paese. Un’immane ondata, provocata dalla frana del monte Toc che precipita nel sottostante lago artificiale, distrugge molte borgate, provoca oltre 200 morti (ed oltre 1700 a Longarone, Castello Lavazzo ed altri centri in provincia di Belluno) e determina una immediata evacuazione del paese.

In seguito Erto fu dichiarato “zona a rischio” e venne deciso il trasferimento degli abitanti in zone sicure. Gli ertani ed i cassani, dovettero trasferirsi in altri centri abitati:, molti scelsero di ricostruire a Vajont, Ponte nelle Alpi (BL), Longarone (BL). I più affezionati al luogo d’origine si ostinarono a non voler lasciare il paese, riconquistano l’abitabilità dei vecchi abitati a suon di posti di blocco ed azioni di forza, vivendo anche senza luce. Solo diversi anni più tardi dopo lunghe battaglie, verso il 1970 si dette inizio alla ricostruzione più a monte del vecchio abitato a quota 830 mt. (quota sicurezza) nella località chiamata “Stortan”, mentre nei vecchi centri rimasero solo una decina di famiglie. Ultimamente molte persone che lasciarono il paese dopo la tragedia stanno ritornando a sistemare le loro vecchie case, trovando strade, acquedotto e servizi grazie a coloro che hanno avuto la forza ed il coraggio di rimanerci 30 anni fa.

Erto per la sua architettura di montagna, spontanea e particolare, nel 1976 fu dichiarato monumento nazionale e pertanto vincolato con la legge 1089 del 1939.

 

Visite guidate alla diga del Vajont tel. 340 3898661

 

Cosa vedere:

– Diga del Vajont – www.vajont.net

– Centro visite Parco Naturale Dolomiti Friulane -Piazzale del Ritorno, 3 – 0427 87333

– Visite guidate sui luoghi del Vajont: tel. 340 3898661

Ospitalità:
-Ristorante “Gallo Cedrone”- Via Roma, 37Erto Tel- 339 5616728
-Ristorante” Julia”- Via IX ottobre,32 -Erto Tel. 0427 879080
-Ristorante Hotel Erto– Piazzale del ritorno, 1- Tel. 0427 879053
-Ristorante Pizzeria “Stella”- Via IX ottobre 1963,13 Tel. 0427 879025
-Enoteca “Da Corona” – Via Don Pancino,24- Tel.  392 8052956
-B&B “Rosina” – loc. Prada, 6 – tel. 329 0506340
-Agriturismo “San Martino” – Via Laviniars, 4 Loc. San Martino – 0427 879195
-Trattoria “Al cervo bianco”- Via della Bruasa, 26Tel0427 879077- Cell. 339 6388881 oppure  335 8455684

Rifugi:
Casera Ditta – Val Mesazzo – Parco Naturale Dolomiti Friulane – Tel. 0427 879010
Casera Mela -Val Zemola-Tel. 333 7857908
Cava Buscada – Val Zemola- Tel. 0427.688219 -Cell. 320-0413665 oppure  328-4625598 
Rifugio Maniago – Val Bozzia – Tel. 0427 879144

 

csm_B2464_4780d8ef4f

 

Come arrivare:

Da Udine (aereoporto Ronchi dei Legionari) e Pordenone: prendere la direzione di Montereale Valcellina per poi proseguire lungo la strada statale 251 della Valcellina, dove dopo circa 35 km si giunge a Erto.

Da Milano o Venezia (aereoporto Marco Polo) prendere l’autostrada per Belluno direzione Cortina d’Ampezzo: proseguire sulla strada statale 51 e arrivati a Longarone attraversare il fiume Piave, in direzione Codissago, si prosegue fino alle gallerie dove si entra in Friuli e poi alla Diga del Vajont, giungendo dopo 3 km ad Erto.

 

csm_B2465_b45636cecf

 

MANIFESTAZIONI 2017 – ERTO E CASSO

 

 

 

Commenti chiusi